Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione sul sito si accetta l'utilizzo dei cookie. Per scoprire di più, clicca qui
Norwegian Cruise Line
Centro messaggi (0)
Centro messaggi (0)
Caricamento
daMessaggioNumero prenotazioneData
Centro comunicazioni NCL
Centro comunicazioni NCL
Non perdere la tua prenotazione!
254228811 apr, 2014
Centro comunicazioni NCL
Centro comunicazioni NCL
Prenota ora i tuoi ristoranti
254228811 apr, 2014
Centro comunicazioni NCL
Centro comunicazioni NCL
Non perdere la tua prenotazione!
254228811 apr, 2014
Centro comunicazioni NCL
Centro comunicazioni NCL
Non perdere la tua prenotazione!
254228811 apr, 2014
Da: Centro comunicazioni NCLInviato: 21 maggio 2014Oggetto: Pacchetti Bevande in vendita adesso

*Termini e condizioni
Pacchetto non disponibile sulle crociere di meno di 5 giorni o crociere charter.

Se stai pianificando la tua prossima vacanza o soltanto sognando di farla, il nostro blog di viaggio è il posto ideale dove trovare l'ispirazione. Sogna destinazioni esotiche. Osserva il mondo come non l'hai mai fatto prima. Nutri il tuo spirito vagabondo. Ricomincia.

Siti della storia nera da visitare durante la tua crociera alle Bahamas

  • 18 agosto 2014
  • Di: Charles Fischer
  • Google+
spazi sacri di Antonius Roberts

Per la maggior parte dei crocieristi, visitare Nassau significa rilassarsi sulla spiaggia, fare shopping nel famoso mercato della paglia (Straw Market) e prendere un drink nel folle e bizzarro Señor Frog's. Il porto della tua crociera alle Bahamas non è conosciuto per la sua importanza culturale e storica; ma coloro che desiderano saltare un giorno in spiaggia possono scegliere un tour ed esplorare la storia di emancipazione degli schiavi africani nel Nuovo Mondo tropicale.

Inizia la tua giornata al Museo della Schiavitù ed Emancipazione di Pompey presso la Vendue House che è convenientemente situata a pochi isolati dal porto. Originariamente costruito negli anni 1760 come mercato sia per beni che per persone, il museo oggi mostra com'era la vita per gli schiavi alle Bahamas, offre informazioni sul Middle Passage, sul viaggio estenuante attraverso l'Atlantico nelle carene delle navi da carico europee e sull'emancipazione degli schiavi nell'impero britannico nel 1834.

Dopo il museo nel centro di Nassau, puoi dirigerti ad ovest in taxi o scooter alla Piantagione Whylly presso il Clifton Park. Questo Parco Nazionale fa parte di una piantagione infruttuosa gestita dai lealisti britannici dopo aver perso nella Guerra della Rivoluzione Americana. In questo parco ci sono le rovine di edifici in pietra che ospitarono gli schiavi. Attualmente le rovine esistono senza tante spiegazioni od ostentazioni; ma il governo delle Bahamas sta progettando di ristrutturare l'area affinché i visitatori possano esplorare la vita nella piantagione.

Vicino al Clifton Park c'è lo "Spazio sacro" di Antonius Roberts. Questo giardino di sculture più grandi delle statue di legno africane venne scolpito nel 2006 ed è un tributo sia alla salvaguardia che agli antenati africani della popolazione. Le sculture sono rivolte ad est, in direzione del continente africano, e lo "Spazio Sacro" è situato verso la punta sud-occidentale dell'isola di New Providence, dove le navi scaricarono la prima ondata di schiavi alle Bahamas.

Infine, termina la tua giornata presso l'Adelaide Village. Questa comunità creata dalla Corona britannica fu una dei primi insediamenti dell'Impero britannico, nata appositamente per gli schiavi liberi dopo l'emancipazione. Oggi è un piccolo villaggio rurale di contadini che gira attorno a una chiesa costruita per e dagli schiavi liberati intorno al 1830. Questo villaggio segna un importante passaggio nella storia difficile dei gruppi etnici africani alle Bahamas, da persone ridotte in schiavitù su una terra lontana dalla propria patria ai proprietari e leader di un territorio prevalentemente nero sulla costa di una grande nazione ancora ridotta in schiavitù.

POST RECENTI

L'autrice

Charles è nato nel New Jersey e viaggia con una certa regolarità. Ama immergersi totalmente nella cultura del posto ed evita di seguire i consigli di viaggio di Rick Steves preferendo vivere appieno l'avventura e i tutti i rischi che comporta, prima di tornare nella sua casa di Miami Beach. La vacanza dei suoi sogni è affittare per un mese un appartamento a Beirut dove frequentare un corso di cucina e lingua araba.

Torna in alto