sogna. osserva. ispirati. ricomincia.
Blog di viaggio ufficiale di Norwegian

Guy Harvey, artista dello scafo della Norwegian Escape

Nel 2014 Norwegian Cruise Line ha chiesto a Guy Harvey, il più importante artista di fauna marina, di creare la decorazione artistica sullo scafo della più recente e grande nave di Norwegian Cruise Line, la Norwegian Escape. Altri elementi del disegno si estenderanno per una lunghezza di 1,065 piedi sull'imbarcazione e presenteranno scene marine combinate armoniosamente. Norwegian Escape navigherà da Miami ai Caraibi all'inizio del prossimo autunno.

Harvey è cresciuto in Jamaica e ha il suo studio d'arte presso Grand Cayman, dove vive con la moglie e i due figli. Latitudes Magazine ha fatto all'artista 10 domande sulle sue passioni e il suo più grande lavoro artistico di sempre.

Norwegian Escape

Latitudes Magazine: Raccontaci del tuo design per la Norwegian Escape. Come è nato e quali sfide devi affrontare mentre lavori su una tela così grande?

GUY HARVEY: Ho usato delle immagini artistiche esistenti in un collage per collocare le varie specie di pesci lungo lo scafo dell'Escape. Dato il grande formato, è stata una sfida trattenermi e non arricchire lo scafo con creature marine bellissime endemiche delle acque in cui la Escape navigherà. Dato che la Escape avrà come base Miami, ho scelto il pesce vela come immagine rappresentativa [l'immagine si estenderà anche lungo i lati e sulla parte posteriore della nave]. Il pesce vela è sinonimo della Florida del Sud, che è la capitale del mondo per la pesca sportiva e la nautica da diporto. Visiterò il cantiere navale a Papenburg, Germania [dove viene costruita la Norwegian Escape] alla fine di luglio per vedere i progressi, dare dei consigli e lasciare il mio tocco personale sulla nave.

LM: Da dove scaturisce la tua attrazione per il mare?

GH: Sono cresciuto in Giamaica con dei genitori che amavano pescare e fare snorkeling. Sin da giovane mi piaceva molto stare fuori, sull'acqua o nell'acqua. Da giovane volevo studiare i pesci, quindi ho seguito una carriera scientifica in biologia marina e in seguito ho fatto il dottorato in biologia dei pesci e gestione dell'industria ittica. Vivendo alle isole Cayman, l'oceano è proprio sulla soglia di casa. Ho trascorso molte ore godendomi le immersioni.

LM: La tua arte riflette il tuo amore per la pesca sportiva. Come pescatore, cosa ti entusiasma di più?

GH: Mi piacciono tutti i tipi di pesca, di diverse specie e usando strumenti differenti. Amo davvero i pesci grossi come i marlin, i pesci vela e i tonni. Sono potenti, maestosi e bellissimi. La parte migliore è guardarli nuotare e allontanarsi incolumi dopo una battaglia epica. Le aguglie sono le mie preferite da prendere per i loro salti spettacolari, che amo filmare. I miei luoghi preferiti per pescare ai Caraibi comprendono Saint Thomas e Puerto Rico per il marlin blu, il Venezuela per il marlin bianco, l'Isla Mujeres, il Messico per pesce vela, marlin bianco e squali mako, e le isole Cayman per delfini, wahoo e tonno. Catturare e rilasciare il tonno rosso gigante in Nuova Scozia, il pesce spada gigante ovunque, il grande marlin blu o nero in una serie di luoghi tra cui Panama o Australia, è il miglior brivido per un pescatore.

Log Jam di Guy Harvey

LM: Come descriveresti lo stato attuale degli oceani?

GH: Oggi la situazione degli oceani è tutt'altro che buona. La sovrapesca continua mentre la popolazione umana cresce e richiede sempre più frutti di mare. La distruzione dell'habitat e l'inquinamento degli ecosistemi marini si estende alle barriere coralline, alle praterie marine e alle mangrovie. Poi aggiungici gli effetti del cambiamento climatico. Molti più Paesi ora apprezzano il valore degli ecosistemi marini viventi non solo per mantenere la biodiversità, ma anche perché fa bene alle proprie economie e popolazioni. È nostra responsabilità comune preservare l'ambiente marino e mantenere la biodiversità del pianeta. Nel complesso, i Caraibi offrono un'immensa opportunità di preservare i propri ecosistemi marini per mantenere la biodiversità e come attrazione principale nel settore del turismo. Spero che la gente faccia la cosa giusta e scelte corrette.

LM: Quanto sei preoccupato per il cambiamento climatico?

GH: Molti governi hanno capito tardivamente che la situazione non è sostenibile e che il pianeta si sta cuocendo lentamente a causa dei gas ad effetto serra generati dall'attività umana. Inoltre, l'aumento del livello del mare porterà allo scioglimento delle calotte polari. Combina questi effetti devastanti con la più grande perdita di specie dalla scomparsa dei dinosauri, e molto presto sempre più persone vorranno vedere azioni concrete sia da parte delle società che dei governi.

LM: La Norwegian Escape avrà a bordo tecnologie ambientali leader sul mercato. Cosa ti eccita particolarmente del lavoro con Norwegian?

GH: Storicamente il settore delle navi da crociera ha goduto di una cattiva reputazione per i danni causati all'ambiente marino. Tutto ciò sta cambiando in quanto le navi stanno diventano più efficienti e le compagnie abbracciano la sostenibilità. Con la Norwegian Escape condurrò un canale TV a bordo che mostrerà le maestose creature marine che incontro mentre faccio pesca sportiva o immersioni in molti luoghi. Questi documentari possiedono un grande contenuto educativo.

LM: Puoi condividere alcune delle tue esperienze più indimenticabili in mare?

GH: La maggior parte delle mie spedizioni comprendono pesca e immersioni, spesso in luoghi remoti, quali l'isola di Cocos, Costa Rica, Panama e le isole Galapagos. Ho avuto molti incontri eccezionali durante la pesca e le immersioni con grandi squali, balene e aguglie dell'oceano. Gli incontri con queste maestose creature offrono quella spinta a creare dipinti e a portarli nelle vite della gente attraverso il mezzo dell'arte.

Istituto di Ricerca Guy Harvey

LM: Raccontaci il lavoro dell'Oceano Fondazione Guy Harvey e dell'Istituto di Ricerca Guy Harvey.

GH: L'Istituto di Ricerca Guy Harvey (GHRI) è stato fondato nel 1999 presso il Centro Oceanografico della Nova Southeastern University in Florida. Ho finanziato il lavoro di ricerca su squali, aguglie e tonni grazie alle entrate generate dalla mia attività di profitto di concessione di licenze. L'Oceano Fondazione Guy Harvey senza scopo di lucro venne fondata nel 2007 per supportare l'attività educativa e di raccolta fondi. Fino ad oggi il GHRI ha pubblicato oltre 80 articoli scientifici sulle migliori riviste ed è leader mondiale nei lavori di ricerca su squali e aguglie. Spesso filmo il lavoro del GHRI come base per i miei documentari educativi.

LM: Come arriva il pesce leone velenoso ai Caraibi dalle acque native del Pacifico?

GH: L'invasivo pesce leone originariamente arrivava dal Pacifico occidentale alla Florida tramite acquariofilia. Come predatori voraci, si cibavano di tutti gli altri pesci negli acquari della gente, si ingrandivano e poi venivano rilasciati nei canali. Questi pesci prosperavano nelle acque tiepide e ricche di cibo delle Bahamas e dei Caraibi e poi crescevano rapidamente di numero grazie alla loro elevata capacità riproduttiva e alla mancanza di predatori naturali. Tuttavia, i pesci leone hanno davvero un buon sapore e oggi sono il pesce preferito ai Caraibi, alleggerendo così la pressione su altre specie pescate in eccesso quali cernie e snapper. Aumentando la domanda di pesce leone, verrà pescato sempre più dalle nostre barriere coralline fino a quando le forze naturali prenderanno piede e controlleranno la popolazione dei pesci leone.

LM: Come consumatori di pesce, quali specie dovremmo evitare in modo da promuovere la loro preservazione?

GH: Ci sono varie Guide al Pesce Sostenibile disponibili e l'Oceano Fondazione Guy Harvey ne pubblica una online e una in formato cartaceo. Ci sono alcune specie di pesci selvatici e crostacei che vengono ancora catturate in modo sostenibile, quali il salmone e l'aragosta e alcune specie di tonno. Molte specie sono totalmente sfruttate e quindi devono essere evitate. Alcune si trovano in condizioni critiche di eccessivo sfruttamento. Il pesce leone è oggi una scelta ovvia così come la tilapia da allevamento, che diventerà il pesce del futuro.